fbpx
C’È…”SOSTANZA” AL MOON VALLEY: ARTIGIANI DEL GUSTO E MATERIE PRIME DI QUALITÀ

La seconda edizione di “soSTAnza”, per la quale Gennaro Esposito, chef due stelle Michelin della Torre del Saracino, sta allestendo un parterre di grandi firme, sarà ancor più ricca rispetto a quella dell’anno passato. Stessa location, il Moon Valley a Seiano, ma nuova sala: più ampia, più panoramica e più funzionale per permettere agli chef che interverranno di visitare l’ormai celebre “piazza degli artigiani”.
GLI CHEF E LA TERRA Appuntamento il 3 e 4 giugno con un evento che mira a spostare a Sud il centro di interesse della gastronomia italiana. Già perché a Festa a Vico 2019 sbarcheranno alcuni dei più grandi nomi della nostra cucina per visitare “soSTAnza”, che aprirà i battenti con il “Moon for Breakfast” apparecchiato per lunedì 3. La manifestazione mira a confermarsi come un distillato delle materie prime di qualità attraverso una selezione di prodotti che rappresentano l’autenticità del gusto. “Ci saranno realtà di assoluta eccellenza e materie prime talvolta addirittura sconosciute ma che impreziosiscono le creazioni delle stelle della cucina italiana – spiega Gennaro Esposito -. Inoltre, “soSTAnza” sarà l’occasione per discutere tra autorevoli chef delle opportunità che il nostro incredibile territorio mette a disposizione”.
I PRODOTTI E L’APPUNTAMENTO
Quindi, “soSTAnza” sarà un vero e proprio viaggio attraverso l’Italia dei sapori. Saranno ospitati produttori di una dozzina di regioni che proporranno alcune perle del nostro patrimonio gastronomico. Un appuntamento da segnare in agenda per non perdersi la “soSTAnza” di Festa a Vico.

Questi gli artigiani che hanno già confermato la loro presenza.

VENETO
-Azienda Pollo Ruspante – animali da cortile bio – Verona

EMILIA ROMAGNA
– Golosa di Franco Rizzati – cioccolato, gelato e ingredienti privi di parti chimiche – Ferrara
– Gianpaolo Pozzi Bertinelli – Parmigiano, bresaola senza conservanti – Medesano

LAZIO
-Azienda agricola Serpepe – ceci della Tuscia, fagiolo tondino della Tuscia, salumi di maiali e pecorini di pecore sarde – Viterbo
-Azienda Agricola Cose di Macchia – tartufi della Tuscia – Bassano Romano
-Caseificio Agricolo Radichino – formaggi di capra – Farnese

ABRUZZO
-Azienda Agricola Letizia Cucchiella –  zafferano – L’Aquila
-Azienda Agricola biologica di Rotolo Gregorio & C. – formaggi, carni e salumi – Scanno

UMBRIA
-Azienda Agricola Rossi Rita – formaggi della Val Nerina – Cascia

PUGLIA
-Peperonzini – Coltivazione di erbe, spezie, piante aromatiche – Toritto
– Alessandra Germano – tuorlo bianco fiore – San Giovanni Rotondo

CAMPANIA
– Azienda Agricola Santopaolo Giuseppe – suino casertano – Rocca d’Evandro
– Azienda Agricola Verticelli – lupino gigante di Vairano -Vairano Patenora
– Armatore – colatura d’alici – Cetara
– Azienda Agricola Enzo Merolla –  cipollotto nocerino – Poggiomarino
– Azienda Agricola Rosso Vesuvio – pomodorini del Vesuvio – Ercolano
– Cooperativa Primavera – formaggi – Pimonte
– Presidio slow food – pomodoro verneteca sannita – Valle Telesina
– Azienda Agricola Russo – fagioli butirri – Vico Equense
-Tommaso De Gennaro – provolone del Monaco – Vico Equense
-Presidio Slow food – broccolo aprilatico di Paternopoli – Paternopoli
-Renato Corrente – ceci di Cicerale – Cicerale
-Gerardo Balestrieri – funghi – Gragnano
-Antiche Fattorie Templari di Paola Fiorentino – miele – Eboli
-Eurofish – anguille e cozze del Fusaro – Bacoli

CALABRIA
-Masseria Fornara azienda agricola – siso di Sibari – Cassano allo Ionio
-Azienda Agricola Biosmurra – succo di clementine – Rossano
-Azienda agricola biologica  De Tursi  – pomodoro – Strongoli
-Terre Rosse di Massadita – fagiolo rosso del Pollino – Aieta

BASILICATA
-Azienda Agricola Biologica Agrimar – suini neri lucani – Genzano di Lucania

SVIZZERA
– Macaronicus AG – biopaste da farine alternative sorgo (Lugano)

SICILIA
-Azienda Agricola Virgona – cappero di Salina – Salina
-Giuseppe Oriti – porchetta di maialino nero dei Nebrodi – Caronia

Allegra Ammirati

Allegra Ammirati, 30 anni, laureata in lingue e letterature straniere mi sto specializzando in studi internazionali. Da sempre, grazie al lavoro di mia madre, ho coltivato le mie più grandi passioni: il cibo, il vino e la moda. Da qualche anno scrivo per lo storico quotidiano "ROMA".