fbpx
Grande successo per la “Cena a Fumetti” da Umberto Ristorante in compagnia degli artisti del Comicon 2019

Questo week-end (27/28 aprile) è possibile gustare le specialità del menu a fumetti

È finalmente iniziato il Comicon 2019, uno degli appuntamenti più attesi a Napoli, giunto alla ventunesima edizione, alla Mostra d’Oltremare di Napoli dal 25 al 28 aprile 2019.

Quello del Menù a Fumetti è un rito che al Ristorante Umberto si ripete da vent’anni. Anche quest’anno lo storico ristorante di Chiaia ha accolto la cena inaugurale del Comicon, che ha visto la partecipazione degli ospiti più illustri del mondo del fumetto nazionale e internazionale.
In occasione della cena, Massimo Di Porzio -patron di Umberto Ristorante– ha presentato ai propri ospiti il Menu a Fumetti, composto da piatti interamente legati alla cucina napoletana, ed è ispirato alle opere degli autori, protagonisti del salone e agli eventi di maggiore risonanza legati alla kermesse.

Il Menu a Fumetti ha riscosso molto successo e per questo motivo, il Ristorante Umberto ha deciso di renderlo disponibile, anche ai propri clienti, nel week-end del 27 e il 28 aprile.

Il Menu a Fumetti

‘Purp-Fiction’ un entrée a base di polipetti, un piatto che richiama il genere pulp che ha ispirato il manifesto del Comicon 2019. Il menu continua con un primo d’eccezione: Corto Genovese – un piatto di mezzanelli o candele spezzate alla genovese, in richiamo alla mostra su Corto Maltese, un viaggio straordinario al Mann. Come secondo piatto: Polpette mai Viste – polpette napoletane a tre cotture con contorno, un omaggio alla nuova graphic novel, premiata con il Premio Strega, del magister di quest’anno: Gipi. Gran finale, il desstert: Noir Napoletano – fondant cioccolato e crema al cioccolato  fondente – in omaggio alla mostra di Serg Clerc autore di Noir, uno dei suoi fumetti più famosi.

Alla cena inaugurale del comicon erano presenti:
Gipi, Akihto Tsukushi, Claudio Curcio, Giorgio Viaro, Bernard Joubert, Giovanni Ticci, Milo Manara, Tito Faraci, Patrizia Zanotti, Barbara Baldi, Claudio Castellini, Paolo Castaldi, Roberta Sacchi,  Simone D’Armini, Pasquale Todisco (Squaz), Mauro Boselli, Mirka Andolfo, Lorenzo Palloni, Simone di Meo,Lorenzo Pastrovicchio, Matteo Stefanelli, Declan Shalvey, Tommaso Spugna Di Spigna, Natzuco Uchida, i Loverin Tamburin, le R&r.

Allegra Ammirati

Allegra Ammirati, 30 anni, laureata in lingue e letterature straniere mi sto specializzando in studi internazionali. Da sempre, grazie al lavoro di mia madre, ho coltivato le mie più grandi passioni: il cibo, il vino e la moda. Da qualche anno scrivo per lo storico quotidiano "ROMA".