fbpx
L’ANTICA PIZZERIA RISTORANTE LOMBARDI TORNA A VIVERE A SANTA CHIARA

Riapre lunedì 3 dicembre, la storica pizzeria Lombardi, in via Benedetto Croce 59, proprio nel cuore di Napoli. Il locale sarà una tappa imprescindibile del Natale in città, sia per i turisti in cerca di tipicità partenopee, considerato che si trova a  due passi da San Gregorio Armeno, sia per  i napoletani che si rifanno ai sapori della tradizione.

Di proprietà dell’ingegnere Gennaro Moio, la pizzeria vanta una guida d’eccezione, quella del maestro Luigi Lombardi che, erede di una dinastia ultracentenaria, è stato presente a tutte le fasi che hanno portato alla nascita del nuovo locale. Il brand Lombardi, è noto nel mondo sin dalla metà dell’800 quando  il capostipite della famiglia, Enrico, diviene avamposto della pizza napoletana nel mondo portando in America da “emigrante” il suo “fucone”, per friggere i calzoni con ricotta e mozzarella. Una pizza che ancora oggi è emblema del locale.

Gli impasti attuali sono realizzati da Lino Riccio – 31 anni e una grande esperienza tra i locali storici della città – con un blend di farine (tipo 0 e tipo 1) del Molino Caputo.

Non mancheranno, naturalmente, le grandi classiche: Margherita e Marinara.

Ma Lombardi mantiene viva anche un’altra grande tradizione, quella di unire in città ristorante e pizzeria, entrambe ispirate alla cucina tipica napoletana, di cui la pizza è parte.  

La preparazione dei piatti della tradizione è a cura dello chef 42enne Giancarlo Perna.

La scelta del prodotti è di altissima qualità territoriale: le carni, sia per la cucina che per la pizzeria sono della macelleria Sabatino Cillo, il pomodoro del piennolo è dell’azienda agricola Terraviva, l’olio extravergine d’oliva  dell’azienda irpina “Oleificio Castello”.

Non resta che fare un tuffo nella storia nel locale situato nella strada intitolata a quel Benedetto Croce che, si narra, fosse un grande estimatore delle pizze di Lombardi.

Allegra Ammirati

Allegra Ammirati, 30 anni, laureata in lingue e letterature straniere mi sto specializzando in studi internazionali. Da sempre, grazie al lavoro di mia madre, ho coltivato le mie più grandi passioni: il cibo, il vino e la moda. Da qualche anno scrivo per lo storico quotidiano "ROMA".