fbpx
World Pasta Day: assaggi a bordo degli aliscafi Alilauro

Il 25 ottobre la Giornata mondiale della pasta. Sulla tratta tra Napoli e l’isola d’Ischia, la pasta, per un giorno, vola via mare. L’obiettivo? Diffondere la cultura dei valori nutrizionali del principe degli alimenti.

Un omaggio ad uno degli alimenti più noti al mondo, marchio di fabbrica del Made in Italy, i cui valori nutrizionali sono spesso sottovalutati e che nell’immaginario collettivo rappresenta, complici letteratura e cinema (chi non ricorda la celebre citazione di Alberto Sordi, “provocato” dai maccheroni in “Un americano a Roma”), una delle icone nazional popolari, universalmente riconosciute.

In occasione della diciannovesima edizione del World Pasta Day la compagnia Alilauro propone alla sua utenza un’iniziativa nuova ed originale: un assaggio di pasta a bordo di alcune delle tratte tra Ischia – Napoli e Forio – Napoli durante la fascia oraria del pranzo, serviti in materiale riciclabile e ad impatto zero, in linea con la filosofia aziendale.
«L’iniziativa vuole porre l’accento sull’importanza della pasta per la dieta mediterranea, di cui il nostro Sud è fiero ambasciatore», sottolinea la responsabile marketing dell’azienda, Ornella Regine. L’iniziativa è organizzata insieme con “Voraci in Sud” (food blog che racconta, con la passione di Nicola Giudicepietro e Daria Lupo, i migliori ristoranti di Ischia, Napoli e dintorni, rivolto a chi ama il buon cibo, il fascino delle novità e la bellezza della tradizione) e, grazie all’impegno di Alessandro Avvenente, con il ristorante pasticceria “Il Triangolo” di Lacco Ameno, che dal 1972 è portavoce dell’artigianalità isolana e che, con il tempo, è divenuto anche pizzeria e raffinato ristorante, offrendo primi piatti con ingredienti di qualità, prodotti Dop e a chilometro zero.
Parafrasando il grande regista Federico Fellini: la vita è una combinazione di mare, magia e pasta.

Allegra Ammirati

Allegra Ammirati, 30 anni, laureata in lingue e letterature straniere mi sto specializzando in studi internazionali. Da sempre, grazie al lavoro di mia madre, ho coltivato le mie più grandi passioni: il cibo, il vino e la moda. Da qualche anno scrivo per lo storico quotidiano "ROMA".