fbpx
I Grani antichi siciliani sposano i dolci della tradizione Napoletana
I Grani antichi siciliani sposano i dolci della tradizione Napoletana

Comunicato Stampa

la  buona tavola
Sabato 16 Dicembre alle ore 10:30 presso la chiesa di S. Giovanni a Carbonara, nell’omonima strada del centro storico di Napoli, verranno presentati i dolci della tradizione partenopea realizzati dalla pasticceria Il Capriccio di Raffaele Capparelli.
I dolci tipici natalizi: Susamiello, roccocò, struffoli e raffiolo, saranno realizzati con i grani antichi siciliani dell’Azienda Molini Riggi di Caltanisetta.
L’evento vedrà come ospite d’onore Amedeo Colella, storico della Napoletanità, che presenterà la mappa del centro storico di Napoli, dove erano situati i laboratori conventuali in cui venivano anticamente realizzati i dolci che poi sono entrati a far parte della tradizione dolciaria della città.
A Seguire Raffaele Capparelli illustrerà la metodologia di preparazione dei dolci natalizi con le tecniche adottate da oltre 100 anni dalla nota pasticceria il Capriccio.
L’incontro terminerà con una visita al complesso monumentale della Chiesa S.Giovanni a Carbonara, uno degli esempi più rappresentativi del gotico napoletano, con un excursus sulle sue origini e sul suo valore artistico e culturale.
Nota
Ai giornalisti presenti sarà fatto dono dei dolci degustati nel corso dell’evento e della farina antica di grano tenero Minorca, specifica per la preparazione di dolci.

[Ufficio Stampa]
Casella di testo: Rosaria Castaldo
Cell: 335 41 19 36
E-Mail: erre.castaldo@gmail.com
Casella di testo: Renato Rocco
Cell: 335 65 555 95
E-Mail: direzione@labuonatavola.org

Chiara Rainaldi

Digital Strategist, Project Manager and Project Leader of Guyot Media. Nel 2014 ha lavorato presso la Camera di Commercio di Avellino nel progetto pilota realizzato da Google Made in Italy: Eccellenze in Digitale. È stata Selezionatrice HR settore ICT per l'avviso pubblico "Made in Italy- eccellenze in digitale 2015". Attualmente è socia dell'Associazione Italiana Sommelier.