Terrawine Festival: Vignaioli riuniti per promuovere le eccellenze vitivinicole made in Italy, al Castello di Titignano

Show all

Terrawine Festival: Vignaioli riuniti per promuovere le eccellenze vitivinicole made in Italy, al Castello di Titignano

Il vino, l’olio, la terra come gesto agricolo, che deve essere prima di tutto un atto di consapevolezza ambientale. 
Questa è l’anima di Terrawine Festival, di scena l’11 e 12 maggio a Orvieto, un progetto del CTA Centro Turistico Amerino. 
Vignaioli riuniti per promuovere le eccellenze vitivinicole made in Italy, insieme al Castello di Titignano.
L’occasione per assaggiare prodotti e confrontarsi direttamente con i produttori, chiedendo approfondimenti su vigne e territori. 
Masterclass e degustazioni dedicate a temi diversi, laboratori e seminari.

Terrawine Festival vuole celebrare le Donne del Vino di tutta Italia e dargli un giusto tributo per il coraggio nel manifestare la loro passione poi frutto di straordinari vini, contribuendo alla crescita del settore italiano, plasmandolo sempre con più estro, capacità e naturale gusto femminile.

Ai visitatori l’eccellenza dell’oro verde con le aziende selezionate produttrici di olio extra-vergine di oliva, con uno spazio dedicato agli addetti ai lavori per imparare a costruire una carta degli oli per i ristoranti insieme ad un capo panel e maestro assaggiatore esperto.
Assaggi e laboratori proposti per avvicinare il pubblico al mondo dell’olio di qualità.

Terrawine Festival è un evento dedicato all’agricoltura e al lavoro della terra. Una manifestazione che vuole accogliere agricoltori e agricoltura, vini, oli e prodotti di qualità, per contadini provenienti da tutta Italia per una due giorni di degustazioni individuali e guidate, dibattiti e confronti, incontri informali con i produttori, acquisti diretti.

Location:

Lo scenario è quello del Castello di Titignano che offre scorci di paesaggio umbro unici e spettacolari. 
Una terrazza panoramica da cui si godono gli affacci sulle vigne e sul lago di Corbara. Costruito in epoca medioevale, dalla famiglia Montmarte, il Castello di Titignano ed il suo borgo conservano intatte le atmosfere e le linee architettoniche originali. Le armonie delle forme dello stile romanico fanno da palcoscenico ad una vista panoramica su una vallata incontaminata. Ai primi del 1800 l’intera proprietà, di oltre 2000 ettari, fu acquistata dalla famiglia dei Principi Corsini. La tenuta alla guida della famiglia Corsini divenne una fiorente azienda specializzata in produzioni di grano, tabacco, olio d’oliva e vino. Nella seconda metà del ‘900 la Marchesa Nerina Corsini ricevette in eredità dal padre le tenute di Salviano e Titignano. Dopo il suo il matrimonio con il Marchese Enrico Incisa della Rocchetta, già produttore del famoso Sassicaia, fu avviato un progetto di modernizzazione della tenuta. Dal 2015 la tenuta è gestita dai figli, Eleonora e Giovanni Incisa della Rocchetta, che con rinnovate energie e risorse hanno realizzato infrastrutture e rifondato la cultura aziendale. Oggi il Castello di Titignano, con il suo Borgo, è una tra le più straordinarie location nel cuore dell’Italia.

 

Allegra Ammirati
Allegra Ammirati
Allegra Ammirati,29 anni, laureata in lingue e letterature straniere mi sto specializzando in studi internazionali. Da sempre, grazie al lavoro di mia madre, ho coltivato le mie più grandi passioni: il cibo, il vino e la moda. Da qualche anno scrivo per lo storico quotidiano "ROMA".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *