A Capodanno il grande protagonista è stato il vino

A Capodanno il grande protagonista è stato il vino

Capodanno è senza ombra di dubbio, il brindisi più conviviale dell’anno, dove tutti, allo scoccare della mezzanotte hanno sollevato i calici ed hanno stappato ben 240 milioni di bottiglie di spumante (dati Unione italiana vini e Ismea raccolti durante le festività).

Non ci sono dubbi tra lenticchie, zamponi e cotechini, simboli della tradizione alimentare, il grande protagonista è stato il vino, anche in versione fermo, che tiene il passo con le bollicine. Secondo i dati dell’Ovse – Osservatorio Vini Spumanti Effervescenti, sono state stappate nel mondo circa 220 milioni di bottiglie che, insieme alle 70 milioni di vino frizzante, hanno raggiunto un giro d’affari al consumo di 5 miliardi di euro. Valori estremamente positivi  con un trend in crescita. Dal 2013 al 2018, infatti, l’incremento in valore è stato di 200 milioni di euro per i soli consumi dei vini delle feste, specie grazie ai vini più richiesti per il periodo delle festività di Natale e Capodanno: Brunello, Bolgheri, Sangiovese, Soave, Nero d’Avola, i vini rosati di Puglia, il Lambrusco dell’Emilia, il Livon del Friuli, il Pinot Grigio di Veneto e Trentino, ma anche il Moscato e la Malvasia.
Quanto ai singoli Paesi, se la Germania da sempre preferisce vini effervescenti, come Trebbiano e Garganega, ma anche Verdicchio, Passerina e Friulano, gli Usa si confermano al primo posto per consumo di bottiglie italiane tricolori, a ruota per i vini fermi, Regno Unito e Giappone. In Cina, le grandi città hanno preferito bottiglie di Barbera e Nero d’Avola, mentre tra i bianchi i Moscato. In Russia, si bevono vini forti e di corpo provenienti da Puglia, Sicilia, Emilia, Veneto e Marche.” Mai come adesso, commenta il presidente di Ovse, Giampietro Comolli “occorre un’unica regia pubblica per promuovere il vino italiano all’estero, anche alla luce della ripresa dell’11% dei consumi dei vini francesi per queste feste, dopo 2-3 anni difficili”.

 

Allegra Ammirati
Allegra Ammirati
Allegra Ammirati,29 anni, laureata in lingue e letterature straniere mi sto specializzando in studi internazionali. Da sempre, grazie al lavoro di mia madre, ho coltivato le mie più grandi passioni: il cibo, il vino e la moda. Da qualche anno scrivo per lo storico quotidiano "ROMA".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *