Milano Wine Week – 7/14 ottobre 2018 | Festival che vai, enoturista che sei..

Show all

Milano Wine Week – 7/14 ottobre 2018 | Festival che vai, enoturista che sei..

milano wine week

Festival che vai, enoturista che sei…  

L’enoturismo e le sue forme di consumo rappresentano la più attuale sfida degli stakeholders del mondo del vino, che  annoverano produttori, istituzioni, enti pubblici e territoriali, destination managers, consorzi, comunità locali, travel designers, operatori per il turismo esperienziale, web influencers. L‘elenco, tra consolidati portatori di interesse e professioni emergenti, si allunga e si diversifica al passo con la creazione di networks ed offerte turistiche che accolgono contaminazioni e “provocazioni” dei nuovi drivers del turismo.

Gli eventi, senza alcun dubbio, rappresentano il miglior “contenitore” di forme – spazi – rappresentazioni in cui collocare/articolare programmi all-day … esclusive.

Ecco perché, da alcuni anni, sono diventati il focus di numerose e diffuse proposte dello scenario turistico, che coinvolge città metropolitane e piccoli centri.

Milano, città dinamica, innovativa e che accoglie le sfide, propone una intera settimana dedicata al mondo del vino – la Milano Wine Week – 7/14 ottobre 2018,  un ambizioso, no-stop e quasi schizofrenico susseguirsi di eventi, degustazioni affordable or esclusive, convegni, presentazioni di libri e riviste del settore, premi, contests

Previsto un  Forum il 9 ottobre, a Palazzo Bovara, sede istituzionale dell’evento, con ben cinque tavoli – internazionalizzazione, innovazione, comunicazione, commercio e legislazione, finanza e credito – nell’intento di dialogare su “opportunità e desiderata” dello stato dell’arte del mondo del vino e con l’intento, propositivo, di un documento finale, da presentare al Ministro della Agricoltura Gianmarco Centinaio.

E nel frattempo cosa fa l’enoturista del wine city festival?

Premesso che il suo profilo corrisponde ad un soggetto con una identità socio-demografica ed espressione di behaviours – obiettivo mirato dei creatori-progettisti dei festival – deve solo riuscire ad organizzarsi ed evitare collisioni di una fitta agenda. Durante il MWW sono stati organizzati circa 200 eventi, dislocati in vari distretti – Brera – Garibaldi e Porta Romana – rispettivamente innaffiati dalle bollicine Franciacorta o dagli austeri vini del Consorzio Oltrepò Pavese e si comincia dalla mattina, nell’evocazione della tradizione del bicerin, questa volta sostituito dalle più attuali bollicine, della Franciacorta Breakfast – dalle 7.30 alle 10.30 al Senato Hotel di Milano – colazione dolce o salata accompagnata dalla effervescenza. Si prosegue selezionando per propensioni e budget tra enoclub, cantine, ristoranti, La Rinascente, Eataly Milano Smeraldo, il nuovo The Brian & Berry Building, con degustazioni e temporary del vino nelle locations più rappresentative del mood milanese.

Anche il Contemporary Wine&Food Trucks Event è presente con variegati e suggestivi abbinamenti streetfood&wine, che nobilitano un emergente fenomeno di consumo itinerante.

L’enoturista, tra un riconoscimento ed un confronto tra le numerose bottiglie di gran parte delle espressioni enoiche della nostra Italia da bere, può distrarsi alla presentazione del libro “Vino pret-a-porter” di Francesca Negri, già autrice del blog Geisha Gourmet , una versione zippata e fluo di quanto basta sapere per servire e bere un vino, con l’uomo giusto trovato in base ad una wine correspondence.

Le giuste riflessioni e gli approfondimenti tematici per gli addetti del settore e non solo, sono previsti in vari talk show, dibattiti e premiazioni in dislocati momenti della kermesse. Milano Wine Week, new entry del parterre dei wine city festival si appropria ed interpreta la “ibridazione” di un mondo – quello del vino e dei suoi lovers – aperto, permeabile e che vuole e sa dialogare con moda, gastronomia e design, portavoci nel mondo del meglio d’Italia.

 

Lucrezia Vitale
Lucrezia Vitale
Lucrezia Vitale, ricercatrice presso la Università di Cordova (Spagna), laureata in Economia Aziendale, dottore Commercialista non praticante, docente di Informatica, sommelier, viaggiatrice instancabile a detta degli altri, responsabile network “femmine alfa”, discreta cuoca –no chef- , patente nautica, autrice di poesie. Motto personale “il mio domani è adesso”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *